Napolitano e i Tecnici: la Dittatura Continua?

Lo stallo post-elettorale non poteva e non doveva scaturire in quello che stiamo ascoltando: Napolitano ri-promuove i Tecnici come esecutivo a cui dare continuità. La Dittatura Continua?

Dopo l’ignavia del PD e di Bersani, incapace sia da politico che da interinale, di dare un volto e dei numeri a un esecutivo;

Dopo le arrembanti Berlusconate, con tentavivi di eversione sulla magistratura, ma pure sempre inaspettatamente rappresentati per un terzo dagli italioti che hanno scelto di votare e di votarli;

Dopo che un magistrato, allevato da due Eroi di questa nazione e che era importante per le sue competenze nelle sedi dove si decidono svolte basilari sulle verità riferite proprio alla stagione stragista che ha permesso l’eccidio di chi gli è stato “magister”, torna a fare inopportunamente il magistrato;

Dopo la protesta provocatoria densa di contraddizioni, superficialità, oscure ambiguità di fondo e delle nuove forme pseudo-democratiche della banda capitanata da Grillo&Casaleggio;

Dopo la bocciatura del governo tec(h)no-dittatoriale dei geronto-pluto-oligarchi rappresentato da un scelta (in)civica di chi ha performato l’affossamento austeritario di una nazione in piena recessione, che le ha suonate e colorate in ogni forma e sostanza inumana;

Ecco, dopo tutto questo, Napolitano si esprime in tivvù dicendo che:

rimarrà fino alla fine del suo mandato;

concentrerà lo sforzo nella ricerca di personalità responsabili affinchè si possa superare lo stallo e dare il via a un esecutivo;

che queste personalità vanno ricercate in un “GRUPPO RISTRETTO” di soggetti da lui individuati;

che bisogna tenere conto delle prerogative di tenuta delle istituzioni, soprattutto in ambito Ue-ropeo;

che non bisogna dimenticare che il governo Monti è dimissionario, ma non sfiduciato;

Il vostro presidente delle repubblica dimentica o ri-masterizza un pò di verità degli ultimi mesi. E facendolo, data l’impossibilità degli “eletti” e dell’interinale da lui individuato di trovare un accordo politico e programmatico per la creazione dell’esecutivo, ricuce le distanze con Monti e con le oligarchie che rimangono il punto nodale della gestione del potere italiota.

Insomma: avete votato, ma non gliene frega un beneamato c***o!  Sia a quelli in-direttamente eletti con una legge in-democratica, che chiaramente e giustamente dal loro canto insistono sulle istanze che li hanno portati a contare milioni di schede imbucate nelle urne. Sia alla massima autorità della nazione in pieno semestre bianco, che io a  questo punto avrei sperato  dovesse rassegnare  le proprie  dimissioni…nero-su-bianco.

Una delle verità riscritte – come la storia dell’unità d’italia – la formulo a mezzo domanda: ma Napolitano, se come dichiari il governo tecno-dittatoriale non è stato sfiduciato, perchè gli italioti sarebbero stati chiamati al voto? Stai usando il candeggio del bianco-che-più-bianco non si può con l’amico di merende Ue-ropee? 

Un’altra è: ma se la popolazione si è espressa con il voto, perchè continuare a parlare di “GRUPPI RISTRETTI” (tipo gli amichetti di Aspen Institute?? O quelli Goldmaniani e Tri-Laterali di Monti e Draghi?? O quelli del parlamento TrojkUe-ropeo??) usando il terrorismo dello sblocco dello stallo che fa male alla nazione e al mercato, quando invece i problemi italioti sono localmente strutturali e, poco o marginalmente, hanno a che vedere con il mercato finanziario?

E se questi GRUPPI RISTRETTI non fossero solo elite del Think Tank, ma fossero anche rappresentanti di fazioni medieviste politicamente opposte  – almeno sulla carta – tipo piddì+piddielle+sceltacivica, non pensi che la parola debba logicamente tornare agli italioti?

E le parole  di Grillo sulla funzione del parlamento senza esecutivo o un esecutivo di pseudo-tecnici? Sempre di più un deterrente del sistema, vestito da marziano rivoluzionario delle pippe lucro-visionarie di Casaleggio!!

Ma di che cosa state parlando? Tutti insieme e tu, Napolitano in primis?

Dici tu: sbloccare la situazione politica irrigidita da posizioni inconciliabili dichiarando nello stesso discorso che il governo tecno-dittatoriale da te promosso è ancora in carica.

Che cosa  vuoi dire? Che altra schifezza vuoi far passare come “scelta obbligata, sebbene dolorosa”? E dillo chiaramente!

J’accuse. Da queste pagine tante volte ho accusato queste persone e questo sistema. Io accuso una dittatura vera  e propria e me ne fotto dell’ipocrita senso di responsabilità: qui si stanno travisando gli strumenti democratici. Se fossero persone minimamente responsabili, dovrebbero dichiararsi agli italioti per quello che sono, trovare il modo di cambiare la legge elettorale con un referendum abrogativo immediato (o propositivo??), umilmente dimettersi da neo-eletti  tornando alle urne: allora sarebbe democrazia, non mero uso del potere ed esercizio com(m)atoso dei codicilli, invero più simili a bacilli del virus plutoligarchico.

Certo se Napolitano si permette di dare in mano la scelta politica e programmatica a un “GRUPPO RISTRETTO” all’indomani di elezioni appena concluse, rispolverando una plutoligarchia targata Monti & Techinolor, non si può non collegare la schizofrenia di O’Neill, gran capo della setta finanziaria di Goldman Sachs.

Costui si permette di parlare della nostra situazione politica, prima facendo endorsment e poi oscura retromarcia su Grillo & Movimento. Parlando prima di vera novità e plausibile forma della futura politica e poi  – oggi – retrocedendolo a pericolo Ue-ropeo, più di Cipro. O’Neill, ma non è che vuoi mascherare le schifezze che la schifosa banca che presiedi   – e tutti i governi coinvolti grazie a scambi azionari  – distogliendo e distorcendo l’attenzione dalla Presa Usuraia di Cipro? Magari facendola passare in second’ordine, per proteggere la TrojkUe e affondando il coltello nella piaga italiota, per promuovere quindi un ritorno Montiano a pieno Regime (Dittatoriale), usando Grillo come scusante? (che poi, mi pare il comico non abbia escluso tali ipotesi, forse senza Monti, tanto per dare una lavata di faccia).

J’accuse. Questa non è democrazia. E chi ha esercitato il proprio diritto al voto dovrebbe domandarsi queste come tante  altre cose che lasciano presagire un orizzonte denso di Vuoti Democratici, sebbene ottimamente tele-comandati dai salotti dei Gruppi Ristretti, qualunque essi siano, politici o tecnici la sostanza cambia poco!

J’accuse queste Persone e questo Sistema. Quando un presidente della repubblica ha promosso un governo tecnico e torna a parlare di gruppi ristretti post-elettorali, sussiste  una dittatura. Se i rappresentanti dei neo-eletti non sono in grado di dare forma a un soggetto politico adeguato alle risposte immediate che la nazione piange da decenni – patendo il patibolo da un biennio – l’unica forma possibile deve essere quella di tornare alle urne. Il resto è un collage traditore e vigliacco delle istanze stesse dei principi ispiratori della democrazia italiota, così come scritta e di recente Fiscalmente Compactata sulla finanza più che sul diritto e sullo spirito sociale.

J’accuse perchè mi sento imprigionato in una catarsi narcolettica della democrazia al rovescio.

….e jett’ na bestemmia pe sta libertà!!!

PostS.

Mentre scrivo, tutti – ma proprio tutti – i rappresentanti dei neo-eletti si dichiarano  d’accordo con la scelta procedurale di Napolitano. Pur con diverse riserve mentali  (più che di reali risposte politiche e di responsabilità vero l’elettorato), tutti si prostrano e si dichiarano d’accordo a restringersi in gruppi. Mi sa che pensano che sia meglio se a decidere un pout pourrì sia Napolitano che frullerà tecnici, piddì e piddiellini, magari avendo già intascato le dichiarazioni dei grillini che faranno “semplice” opposizione in questa legislatura, almeno finchè durerà. Gradirei proprio sapere come ve la pensate – che abbiate votato  o meno – perchè io da  incazzato-astenuto non riesco a bermi ste tarantelle coreografate sulla pelle delle persone.

Questa voce è stata pubblicata in Ma Come Diavolo Parli?!. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Napolitano e i Tecnici: la Dittatura Continua?

  1. mcc43 ha detto:

    Le mani sulla tastiera ma fatico a ordinare i pensieri … Prima un grazie. Non avrei saputo esprimere con chiarezza e con ordine la mia indignazione che è pari a quella che trovo nel tuo articolo.
    Avrei avuto un pò di timore di come avrebbero inteso dall’estero le dimissioni di Napolitano, ma dopo aver ascoltato la sua comunicazione rimpiango amaramente che non abbia compiuto il gesto. Non si è dimesso, ha dato un altro giro di garrota alla nostra Costituzione.
    Perchè quello che ha fatto Napolitano è un altro passo da repubblica parlamentare a repubblica presidenziale. Procede per conto suo a riformare, mentre tutti si sbracciano a chiedere le riforme! Senza controllo, da autocrate in abito civile invece che con l’uniforme militare s’impadronisce con una sorta di usu capione di tutti i poteri che la Costituzione non gli vieta espressamente a chiare lettere.

    “””tutti – ma proprio tutti – i rappresentanti dei neo-eletti si dichiarano d’accordo con la scelta procedurale di Napolitano. “” E’ questo che terrorizza:: nessuno vuole accorgersi di quello che sta accadendo, tutti terrorizzati dal “conflitto d’interesse” fra la speranza di raccattare più voti per il partito andando alle elezioni e la voglia di conservare individualmente il “posto” mantenendo in vita la legislatura. Godono del prender tempo. Un tempo che useranno per intrallazzare sul nome dei nuovi presidenti del consiglio e della repubblica.

    D’accordo, la casta è sempre la casta, i più vanno in politica per ambizione e sete di potere, ma gli italiani? Non sanno distinguere la sostanza delle questioni dalla vuota chiacchiera?
    Invece di interrogarsi su dove ci sta portando Napolitano, sul grottesco del nuovo endorsement di Monti, contro il quale chiaramente si erano espressi perfino ripigliando il consunto berluscone, si trastullano sulle parole. Se i social media rappresentano uno spaccato della popolazione, in twitter è tutto un fiorire di ironia sulla parola “saggi” che qualche giornalista ha sostituito a “gruppo di personalità” lanciandola nei social media come si butta l’osso al cane perché ci giochi e non rompa le scatole al padrone.

    J’accuse perchè mi sento imprigionato in una catarsi narcolettica della democrazia al rovescio.
    ….e jett’ na bestemmia pe sta libertà!!

    • unlucano ha detto:

      Esatto: l’osso dato in pasto, affinchè la rotativa digitale cancelli il vero problema, annebbiandolo di gradi alcolemici di questa nazione ubriacata dal commento della fiera delle vanità, piuttosto che sulla sostanza (base su cui dovrebbero muoversi i soscialnetuork). Detto ciò, concordo ancora una volta e sempre di più con la tua visione: io non avrei saputo scriverlo – l’hai fatto tu che hai stile – che Napolitano è”[S]enza controllo, da autocrate in abito civile invece che con l’uniforme militare s’impadronisce con una sorta di usu capione di tutti i poteri che la Costituzione non gli vieta espressamente a chiare lettere.”. Tra i validissimi argomenti che hai sostanziato, questo è quello che più mi fa male, perchè è la pantomima democratica di una dittatura. E ho un timore tremendissimo di quello che stanno facendo all’ombra di quella parte dell’elettorato che ormai ha la pancia satolla sapendo di aver dato la propria opinione – o cliccato sul mi piace. Non so in quanti siamo a vedere tutto questo. Ma credo che non saremo mai abbastanza, perchè sono certo che se andassimo al voto domani mattina, verrebbero confermati quasi tutti…Grazie a te per l’apporto: direi che avremmo potuto invertire post e commento: avrebbe reso meglio l’idea:)! Grande Maktub…e, tradendo il mio agnosticismo, stasera ti dico fuori da ogni retorica: Insciallah!

    • unlucano ha detto:

      Dimenticavo: GRAZIE per lo SCOOP.IT!

  2. Pingback: Napolitano e i Tecnici: la Dittatura Continua? J'accuse! | I T A L I A | Scoop.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...