Lotta Contro le Mafie. Trattativa Stato-Mafia, Fenice in Lucania, Voto di Scambio, TrojkUe e BCE su Cipro: Non Sono Queste Mafie di Mafie?

Oggi si festeggia la giornata per la lotta contro le mafie.

Oggi, in questa giornata in cui si ricordano le persone decedute per mano vigliacca, scelgo di scrivere solo due righe, perchè non mi basterebbe un’enciclopedia per dire che la mafia non viaggia da sola, ma ha agganci e collateralismi ben precisi in quella che si definisce la società civile o in quella che si definisce democrazia politica e amministrativa italiota.

Le mafie non sono solo quelle cinque contrassegnate dai nomi di mafia (siciliana), camorra, ‘ndrangheta, sacra corona unita e basilischi (Lucania). E poi solo del Sud? Questo è il modus operandi di quattro teste di cazzo che si riuniscono e mimeticamente ripetono un’affiliazione mutuata dalle sette di isparazione massonica.

Ecco, per parlare di mafia che è fenomeno gravissimo per la portata criminale e finanche inumanamente stragista che ha prodotto in italialand, bisognerebbe investigarne le concause, non per giustificarla – e ci mancherebbe altro – ma per dimostrare che non sono solo omertà e terrore a farla proliferare e vivere nonostante  gli sforzi di chi si ribella.

C’è qualcosa, qualcuno che le aiuta. No, non parlo di complotti, che in questo caso avrebbero ben donde di trovare terreno fertilissimo. Parlo di un sistema, il sistema.

E’ per esempio il sistema del voto di scambio accettato dai tre contraenti: il politico, il mafioso intermediario/mandante/servitore del primo, l’elettore. Oltre questo vomitevole esempio, ve ne sono moltissimi altri e molti altri altrettanto gravissimi, se non di più.

Ecco, per me oggi parlare di lotta alla mafia è ricordare dopo una mesatina dalle elezioni che in questa nazione  esiste ancora il voto di scambio: inaccettabile! Tanto quanto è inaccettabile che vi siano coinvolti tuti e tre gli attori di cui sopra, e ripeto: il politico, il mafioso che fa da intermediario/mandante/servitore del politico, l’elettore.

E lo ricordo ai Fratelli e alle Sorelle lucane che il voto di scambio lo hanno dovuto sorbire per anni, anche senza minacce di lupare o contraccambio immediato di denaro. Il sistema colluso dello scambio ricattatorio di un posto di lavoro che non arriva mai e di un voto che si perpetua elezione dopo elezione. Il sistema corrotto in cui la libertà indivuale viene scambiata per l’ipocrisia generale del tuttappostismo. Il sistema criminale di una regione che ha scambiato il territorio per avere in cambio malattie-povertà-ambiente distrutto, mentre la dirigenza politica ha esercitato il potere tradendo puntualmente i programmi elettorali, omettendo colpevolemente di esser costretta a o spontaneamente voler dare carta bianca a chi ha depredato la Lucania, permettendo ad esempio che il termodistruttore Fenice della francese EDF continui imperterrito a ricevere monnezza e a bruciarla, inquinando per sempre la nostra memoria: e non è mafia questa? E se non è mafia, che cos’è?

Parlare e fare la lotta alle mafie, oggi, mi fa pensare che io non ho la possibilità di ascoltare cosa Giorgio Napolitano si è detto con Nicola Mancino e se hanno parlato del processo relativo alla trattativa Stato-Mafia.

Il mio pensiero volutamente scarno, crudo e semplice si ferma qui: perchè lottare contro le mafie vuol dire anche e soprattutto verificare il presidente della repubblica e i patti che molte/troppe volte sottendono all’esercizio della democrazia…italiana!

Invece, per chiudere, rivolgo la mia solidarietà a un’altra nazione Mediterranea, ancora una volta vittima dell’Ue-ropa e della BCE.

Nel giorno della lotta contro le mafie denuncio quella peggiore, quella che sta  stritolando intere popolazioni con l’usura bancaria e politica. Io denuncio la Trojka UE e la BCE.

Iniziamo anche da questo, perchè mafia non è solo Riina o Provenzano che esistono perchè il sistema glielo permette. Appunto come Napolitano che parla con Mancino e tutto viene secretato, e finchè non mi fanno sentire che cosa si sono detti io devo dubitare. O la come la Trojka UE o la BCE che fanno come gli pare, per interesse privato od oligarchico, strozzando mafiosamente il Mediterraneo.

La lotta contro le mafie non prevede che il mainstream parli della trattativa Stato-Mafia o che inscriva la Trojka Ue-ropea entro lo schema mafioso dello strozzamento per usura politica, economica e finanziaria.

Oggi, il mio pensiero nella lotta alle mafie è questo: niente più che un pensiero rabbioso.

….jettamm’ nù sciore pe sta libertà! 

 

Questa voce è stata pubblicata in Ma Come Diavolo Parli?!. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...