Elezioni? Fumata Nera e M5S Vince! Intanto nei CIEli

Elezioni politiche 2013: fumata nera! Mentre  M5S Vince! Dato lo stallo, sarebbe necessario vestirsi di umiltà, evitare aggregazioni comatose e fare la cosa  più sensata: Bisogna Andar a Ri-Votar! Intanto nei cieli…

La realtà è che questo paese è ingovernabile.  E queste elezioni dimostrano quanto sia fondato il concetto di un necessario quanto radicale cambiamento sia delle regole democratiche che degli strumenti per adottarle.

Non perchè il fondamento sia totalmente sbagliato, quanto perchè è sempre e comunque stato disatteso dai delegati all’esercizio del potere, ovvero gli eletti. Ma qualcuno li avrà pure eletti, no?!

Il Senato porta dentro di sè tutta l’amarezza di una repubblichina: stallo alla messicana. La Camera dei Deputati è riuscita a esprimere un colore. Il tutto però come?

Dopo un anno di governo dittatoriale – tralasciando il prima, che fa ribrezzo solo a parlarne, ma è prodromo di ieri – ci hanno costretti a fare delle elezioni. Si è proceduto a chinare la testa ed  essere etero-diretti da europeisti, teutonici strali, francesotti guerrafondai, cavoletti di Bruxelles, multinazionalismi a stelle  e strisce, con lo spauracchio della speculazione finanaziaria. Le elezioni bisognava predisporle a novembre del 2011, quando non sussistevano più nè numeri nè inciuci possibili. Il candeggio politico forzoso, prima o poi, rompe il tessuto sociale. E questa tornata elettorale ne è la più ampia dimostrazione.

Inoltre: nessuno – ripeto: nessuno – degli scrannati romani ha messo mani alla legge elettorale vigente.

Quindi si è andati a votare con la consapevolezza che qualcosa nei conti non sarebbe tornata, scatenando una Tempesta Perfetta – come ricorda Maktub.

Evito di fare analisi: non sono un politologo e nè pretendo di esserlo e manco vorrei esserlo, tra l’altro. Tanti altri a vario titolo – certificato o meno che sia – si prodigheranno  a sminuzzare i vari perchè e percome, inframezzando i ma e addossandosi colpe, assenze, marchetting elettorale sbagliato, etc.., perpetuando il salottino che tanto piace, che sia intellettualoide o meno.

Provo solo ad andare oltre esprimendo un commento molto pratico ed efficace.

Su una base elettorale di  47.011.309 per la CdDeputati e di 43.071.494 per il Senato, ha votato il 75,17% degli aventi diritto. Cioè il 24, 83% si è astenuto!

Alla CdDeputati se la sfanga il PD con il premio (?!) di maggioranza: gli elettori sono 8.642.700. Il PDL: 7.332.121. M5S: 8.688.545! Date le alleanze furbesche dei primi due, si ricava che M5S si posiziona come prima forza politica tra gli onorevoli. Ma la perversione della leggina elettorale consente a Bersani e baraccone di fare la voce grossa in questa camera.

Al Senato invece accade che: PD riceve 8.399.991, PDL invece 6.829.135, e M5S 7.285.648. Per i perversi giochini di alleanze e di seggi spettanti, il PDL riesce a beccarne 116, il PD 113 e M5S solo 54.

Quindi maggioranza relativa al Senato di un colore vomitevole con maggioranza assoluta alla CdDeputati cromaticamente altrettanto nauseabonda. Il tutto con l’imbroglio di questa legge elettorale.

Le persone continuano a votare PDL e alleati vari. Come pure riescono a farsi imbellettare da PD e alleati vari. Monti e altri due trombatini hanno preso le percentuali che manco s’immaginavano: ma chi ha votato Monti? E perchè? E Casini? E Fini? Boh! Ingroia sapeva di aver fatto una cavolata galattica, ma almeno ha tirato fuori le combine del PD. Giannino e altri manco li considero che a fare un partito  – tipo il dittatore  di cui sopra – a un paio di mesi dalle elezioni è cosa di una imbecillità pazzesca: prendi per il culo te stesso e gli elettori che ti credono pure.

Veniamo a M5S. Ha sbancato. Ha vinto. Ha stra-vinto. Ha schiaffeggiato tutto e tutti. E ne aveva  ben donde. Chi ha votato M5S? Molti rocheranno di malpancismi, proteste e non proposte, sloganismo populista, etc. Il fatto è che M5S non le ha mandate a dire: le ha fatte! Eccome se le farà vedere le e-lezioni, come ricorda Riconquistare la Sovranità per mezzo di Voci dalla Strada.

E l’astensionismo ha fruttato insieme a M5S la protesta gridata a questa nazionucola. Praticamente un pelo sotto un quarto degli aventi diritto, che sarebbero stati di più senza i classici ricatti che avvengono sui luoghi di lavoro, nella P.A., nelle strade e nelle vie dove i signorotti del quartiere dettano ancora legge, etc. Ma un quarto degli aventi diritto sono all’incirca dodici milioni di aventi diritto. Su una popolazione totale di 60mln di abitanti. Ovvero un quinto. Un’enormità di persone che vorrebbe altro, anela  un sistema diverso, cerca pace, libertà e democrazia vera, non piegarsi a un sistema di compromessi e trasformismi continui e continuati!

                                                Refusal To Vote : Illustrazione di una matita verde e la parola su carta bianca

Parentesi tonda. Basilicata e Marche. In Basilicata il dato M5S è molto, molto confortante: primo partito a Matera, Melfi e Potenza. Seppure nello sconcerto generale di chi ha portato al Senato Bubbico e Margiotta  e Antezza/Folino/Speranza alla CdDeputati. Per non so quale strano caso della fortuna, De Filippo è trombato. Ma non basta, visto che qualcuno è stato tanto incosciente da eleggere altri baroni della  vita  partitica regionale. Ritengo doveroso aggiungere che l’unico programma degno di studio e approfondimento fosse  quello di Comunità Lucana; ma evidentemente c’è più di qualcosa  che non ha funzionato.

Per M5S – Basilicata 5 Stelle Vito Petrocelli è Senatore e  Mirella Liuzzi è Onorevole: ne sono ampiamente felice. Li ho seguiti e continuerò a farlo: per  quello che ho potuto apprezzare, sono due persone capaci e sveglie che porteranno avanti molte  istanze lucane nelle stanze  romane.

Nelle Marche M5S ha fatto il pienone. Da cui la mia  richiesta  di dimissioni di ogni apparato politico e indizione di elezioni a tutti i livelli: sarebbe necessario vedere come la pensano gli abitanti della Marca, visto che a Roma ci mandano più che altro esponenti del M5S. Un motu proprio sarebbe un esercizio di umiltà. Ma se  il sindaco di Ancona si è rimpastato per treannitre e, dimettendosi, ha regalato alla città un commissariamento, non credo che il resto dei politicanti possa  avere meno bramosia di attaccamento poltronistico.

Tornando alle proposte. Tenuto conto che Napolitano ha FORTUNATAMENTE le mani legate dal semestre bianco, sarebbe opportuno organizzarsi per:

immediata  riforma elettorale;

abrogazione del mandato elettorale senza vincolo dell’eletto, istituendo il vincolo di mandato; così che l’eletto sia cosciente di essere  un mero esecutore del programma e delle decisioni che pertengono la realtà territoriale e le politiche estere, non un bipede pensante…solo ai fatti di cas(t) propria;

indire nuove e prestine elezioni;

Solo allora si potrà dire compiuto il passaggio da diverse dittature etero-vestite a un’espressione veramente democratica.

Da qui anche un diverso atteggiamento, una coscienza migliore nell’essere parte di una società: esserci dentro, non parteciparvi solamente a scadenze da yogurt. Equa distribuzione dei compiti, per un controllo maggiore sugli esecutivi e un beneficio superiore…per tutti: persone, economia, sanità, ambiente. Altro che campagne elettorali: bisogna riprendere  il lavoro in campagna, certosino, quotidiano, amorevole e  proteso al positivo, per il benessere comune. Arare senza stuprare, seminare con estrema varietà senza disperdere, far  crescere, raccogliere nel pieno rispetto del terreno che dona frutti meravigliosi!

Una considerazione finale. Per fare ciò, consiglio un periodo di vacanza della vacanza governativa nei CIE. I Centri di Identificazione ed Espulsione mi sembrano il miglior luogo per ospitare tale fatta di coglioni che hanno imbrigliato  – e imbrogliato – la nazione. Intanto così, e tanto per ricordarsi di essere  uno stato sociale che protegge la dignità umana, oltre a dover fare  spazio all’immondezzaio politicante che enumera  troppi rappresentanti nazionali e locali, darei LIBERTA’ alle Sorelle e ai Fratelli che sono nazifascisticamente rinchiusi.

I ROM, chi fa le code per  un piatto di minestra, chi cerca un lavoro e non lo troverà mai, chi è ingiustamente detenuto nelle bolge illecite definite carceri, chi sconta  pene detentive mentre l’ingovernabilità è garantita da  chi non ha scontato un solo cazzo di giorno, chi ha malattie generate  da anni di inquinamento devastante, chi ha malattie inguaribili perchè la  sanità è ingovernabile, chi è esodato, chi è vessato dal fisco, chi è giovane-precario-e migrand’, chi è madre senza compagno e non può permettersi la retta  dell’asilo, chi non può pagare le tasse perchè inope, chi esprime la propria sessualità ma non ha diritti, chi non ha religione ma il vescovo gli ha indicato una coalizione, chi si sente inutile perchè fuori dal sistema, chi si esprime diversamente ma gli fanno il TSO perchè non lo capiscono, chi subisce stalking maschile e poi finisce che la uccidono dopo una denuncia senza seguito, chi ha  dovuto chiudere  l’impresa perchè è più facile delocalizzare  in paesi dove  il salario mensile  è come una colazione in Montenapo o Condotti, chi desidera dei figli ma le adozioni costano troppo e la fecondazione assisitita è un tabù, chi subisce il terremoto ma i soldi se li fotte la politica….Ecco: tutti questi Chi, avranno votato? Avevano desiderio di farlo? E il diritto?

O come le persone di cui scrive il Fratello Torto Mc OG sul suo diario di feissbùc:

DORMITORIO 111 NEWS # 17 Nessuno, su 41 senza fissa dimora, chiede novità sulle elezioni. Semplicemente, non gli importa. Dopo la partecipazione, i talenti e la speranza, anche la rabbia emigra dall’Italia.

Mentre altri e molti ragionano sulla ragioneria del voto, ci sono persone ingiustamente detenute dentro lager  nazi-fascisti. Sono persone che hanno dovuto prendere il mare per venire in italialand. Lo hanno fatto perchè costrette da condizioni umane disastrose. Per trovare un conforto sociale. Per un lavoro. Per una dignità. Per essere, mica per avere. Perchè forse erano solo di passaggio da questa cazzo di nazione ingovernabile che pretende di educare, detenere, incarcerare persone libere.

Queste  persone dai mille nomi Mediterranei, cosa  hanno votato? Niente, perchè sono tanti Nessuno e Nessuna, adulti e non, nella terra che ingiustamente si Auto-Promulga come Democratica. E potendo avere diritto al voto, cosa  avrebbero fatto? Io mi sono astenuto principalmente per solidarietà nei loro confronti come in quelli dei tantissimi Chi di sopra, perchè mi sento prigioniero di un paese che non ha democrazia nè diritto a essere. Pur  convinto che M5S  stia  significando una fase di scardinamento, ho bisogno che tutti abbiano degli strumenti veramente democratici per votare o degli argomenti per  sentirsi in Società, non le fandonie vendute al libero mercato nero dell’ignoranza Costituzionale. Perchè io avrei invitato al voto i detenuti al CIE, persone che sono confinate senza diritti, sospesi nella propria vita, ingabbiati a far da vetrina miserrima  di ben altro zoo, quello politico.

(interpretazione video di Tommy G.)

Antropos Estì Zoon Politicon dicìa Aristotele. In italialand, la politica è lo zoo dell’umanità totemica  nostrana, con tutto il proprio bestiario e le bestialità di un’umanità corrotta. A quando la Libertà?

Questa voce è stata pubblicata in Ma Come Diavolo Parli?!. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Elezioni? Fumata Nera e M5S Vince! Intanto nei CIEli

  1. mcc43 ha detto:

    La mia capacità di intendere peggiora via via che lo stile dell’informazione abbandona l’articolazione completa per limitarsi all’abbozzo. Mi vuoi aiutare a capire questa notizia di gennaio che mi sembra sia passata via senza troppo colpire; invece a me sì:
    da http://www.tgcom24.mediaset.it/politica/articoli/1079131/m5sgrillovinciamo-e-ci-sciogliamo.shtml
    Grillo dice alla folla di Ancona “Vinciamo e poi sciogliamo il movimento”
    ???

    • unlucano ha detto:

      E’ inevitabile. L’informazione è sempre più parcellizzata – in ogni senso!! – e tende a creare vuoti mnemonici ad hoc: flussi enormi, attenzioni concentrate e poi “archiviazione” per deterrenza. Mr M. McLuhan avrebbe goduto non poco con l’informazione degli ultimi 20anni e con l’esperimento di un web-movimento politico. Grillo ne ha dette tantissime altre, come pure il fatto adesso di citare il governo siciliano a esempio meraviglioso di connubio non fa altro che mandare segnali che molti tralasciano, visto che subito dopo dice che Bersani è uno stalker politico, etc. L’indefinitezza del momento storico fa il pari con quello che tu giustamente sottolinei: approssimazione fratturale della memoria, attraverso bombardamento mediatico senza precedenti. Il che ci restituisce pure Berlusconi e Bersani, perchè bisognerebbe ricordare a tutti non solo Berlusconi – che nonostante si auto-denunci, ottiene numeri impressionanti – ma anche Bersani che ha fatto il ministro dell’Economia sotto Prodi e non ha certo brillato per decreti, tranne quello che porta il suo nome: eppure nonostante numerosissime quanto plateali incongruenze, hanno preso voti Bersani, Berlusconi e Grillo….Non ti ho dato una risposta precisa, perchè avrei bisogno di più spazio e ti annoierei (se non l’ho già fatto!). Chiudo rimarcando un fatto. Tutti tendono a concentrarsi su chi ha votato, tralasciando drammaticamente chi non lo ha fatto e perchè! E se lo fa, cerca una spiegazione commisurata all’esito del voto per definirne un’attrazione in una successiva tornata elettorale. Ho scritto e ripeto che non ho votato; ma che se lo avessi fatto avrei dato preferenza a Grillo in assenza di una sinistra oltranzista capace di riformare questa repubblichina. Il perchè è facile: il voto non sarebbe andato a lui!!

      • mcc43 ha detto:

        I vuoti mnemonici, eccallà.
        A parte il fatto che ritengo non meccanicamente assimilabili giunte in dimensione locale e coalizioni per governo nazionale, noto che M5S sostiene Crocetta che è sinistra ma non un notabile PD. E’ questo che intendi? Bersani deceduto politicamente, proponeteci un altro e se ne parla?
        Il primo ricordo che ho io di Bersani è il suo primo atto da ministro : imbufalire i taxisti romani . Non so se era giusto il provvedimento in sè, forse, ma le liberalizzazioni non si cominciano da lì, se non altro per astuzia comunicativa.

        Concordo sull’importanza del partito dell’astensione, al quale mi sono sottratta all’ultimo minuto per calcolo cervellotico rivelatosi totalmente sbagliato, sull’errore di non parlarne e riflettere sul messaggio in progressivo aumento numerico.
        Come pure, ed il mio chiodo fisso, è sbagliato non aprire gli occhi sull’inaudito risultato Lombardia … profonda.
        Voltando le spalle alla Milano di Pisapia, ha abbracciato Maroni, nonostante un anno di fango emerso dalla Lega e da Formigoni/CL/CDO, che guiderà l’Expo.
        Se fra i tuoi lettori qualcuno non conosce la CDO, Compagnie delle Opere di Don Giussani, wiki un pò rimedia http://it.wikipedia.org/wiki/Compagnia_delle_opere.
        grazie dello scambio di idee🙂

        • unlucano ha detto:

          Sì, mi riferisco proprio a quello: proponeteci un altro piddino e vi appoggiamo, come abbiamo già fatto in Sicily! Bersani è quello che è: un partitocratico spendibile dal notabilato dell’Ancien Regime Piddino, che intanto manovra e scartabella dossier al Copasir, o si occupa di leghecoop, assicurazioni, buchi miliardari di banche, etc. La Lombardia è un eccesso molesto della schizofrenia attuale: sei brava a sottolinearne l’importanza strategica di una spinta consociativistica più “profonda” quale è il massimo esemplare dell'”eccellenza” lombarda. Celestiale passaggio di mano o sapiente mano golpista? E’ tutto così assurdo, che mi sembre di vedere un film, quello in cui un ex-militare USA torna dall’Iraq, ripete a memoria ciò per cui è stato ipnotizzato, poi si riprende e aggredisce il candidato alla presidenza della whitehouse.Come si intitola? Ah, ho trovato: “The Manchurian Candidate”!! Quanti Candidati Manciuriani in Italia?
          Grazie a te: interessantissimo confrontarsi con te! Sei e sarai la benvenuta, sempre:)!

  2. Pingback: Elezioni: Deterrenza Democratica o Rivoluzione Civile? Volare, nel Blu Dipinto di Blu | unlucano

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...