F(A)IDATEVI?!

Il ministro Cancellieri denuncia un’ipotetica escalation delle azioni terroristiche in penisola. E chi è, nostradamus in gonna plissettata? Oppure, l’azione di imbelligence italiota ha raccolto fantomatici x-files, dossier segreti (?!), intercettazioni aberranti, parole da barette della bouvette (più plausibile), e crede di poter spargere ulteriore terrorismo sociale, oltre quello che l’oligarca governo tecnico sta già seminando dalle Alpi a Lampedusa? E se ne esce con questa notizia giustappunto il giorno dopo la gambizzazione del dirigente Ansaldo Nucleare a Genova? Se fosse stata in possesso – ed è stra-plausibile, visto come lavorano di dossier i segreti servizi segreti italici – di notizie riguardo a potenziali attentati, perchè nulla è stato fatto per evitare che qualche proiettile partisse e ferisse un civile? Mi vien da pensare brutte cose, tali come quelle degli anni ’70, dove la deviazione e la disinformazione e i depistaggi erano il pane quotidiano di un paese in piena implosione. Altro che esplosione di manifestazioni violente: qui siamo di fronte a un cambio di marcia sostanziale di chi si è assiso al chigiano scranno per mano del napoletano Napolitano e il gioco inizia a sapere di dejavu della peggior ispecie. Specie se si rievocano i fantasmi dell’estremismo brigatista, prim’ancora che vi siano rivendicazioni concrete.

Il fatto vero è che se gli anarchici si palesano veramente, vuol dire che c’è qualcosa che non funziona. Oltre tutta la filosofia e la dietrologia possibile e immaginabile che questi argomenti richiedono ai benpensanti e ai cronisti pippaioli, mi pongo una domanda semplice: esiste davvero il FAI? No, perchè in una specie di repubblica in cui anche un senatore o dei massoni dichiarano che la mafia non esiste – oltre le miriade di revisionisti della materia – perchè dover credere anche a un fantomatico attentato di matrice anarchica? E’ come dire che il danno subito da ENI sia veramente frutto di sabotaggio: e da parte di chi? Dell’uomo nero con il trapano a mano? Ho letto che si tratta di un buco o qualcosa di simile: ma davero-davero vogliamo credere che una o più persone in piena monta adrenalinica perchè stanno per compiere un sabotaggio, fanno un danno che neanche un bambino maldestramente giocando avrebbe fatto? Ma su, mica siamo così sciocchi da continuare a bere le vs stronzate!!

Agendo di paradosso, non credo proprio che la mafia non esiste: eccome che esiste, se è vero che “forse” ci ha governato e lo continua a fare? Allora bisogna credere pure alla rivendicazione del FAI: la testimonianza della lettera è il monito di chi, come gli anarchici, non ci stanno più a vedere questo massacro sociale e agiscono come meglio credono. Gli anarchici – a quanto ci hanno fatto vedere in tivvù o leggere sui giornali – hanno sparato; gli altri lanciano molotov al riscossore poliziesco ironicamente chiamato Equitalia, quasi fosse uno perverso slogan pubblicitario di uno psicotico dirigente pubblico; altri ancora scelgono forme diverse di proteste, quali manifestazioni, comitati volontari a difesa di questo o di quest’altro, cercando di arginare alla meglio la longa manu statal-sbirresca sulla società peninsulare e quella  isolana. Ma se nel contempo gli anarchici sparano, perchè si dichiara che ve lo aspettavate? Ecco, queste sono le cose che uccidono la dignità e il rispetto dei cittadini italiani nei confronti di chi li governa: ma cosa cazzo c’avete in testa? Lo sospettavate? Cioè, forse eravate a conoscenza che qualcuno avrebbe usato un’arma da fuoco contro un obiettivo umano sensibile? Bè, allora, vi meritate quello che state paventando. Un suggerimento: fareste bene a dotarvi e dotarci di una società più giusta – quest apiù equa – scevra dai partiti politici e dall’oppressione popolare, cercando – semmai vi fosse passato per l’anticamera del cervello – di fare normalmente il vs lavoro: se gli accadimenti di queste ore sono reali, allora prepariamoci a una stagione che gli anni ’70 sembreranno un film vintage di serie B.

E in Lucania? Ah, è vero: il SABOTAGGIO all’ENI! Mi limito a dire che, se i partiti e i loro rappresentanti non si muovono a lasciare la regione e con loro i petrolieri, i francesi di fenice, i torinesi di fiat, gli assassini di Trisaia e chi c’è dietro di loro, usando il minimo sindacale di fantasia apocalittica, posso solo prefigurare una reazione che farà storia. La primavera nostrana, per quanto bizzarra e strana, sta manifestando tutte le sue schizofrenie: la gente vive di pane e semplici ideali, non delle vostre faide e delle vostre turpi fantasie!

Questa voce è stata pubblicata in Quotidiani: dei fatti e misfatti Lucani. Contrassegna il permalink.

Una risposta a F(A)IDATEVI?!

  1. michela ha detto:

    bravo hai pienamente ragione, della nostra terra nulla è stato salvato e questo mi spiace molto lucani svegliatevi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...